Molto in fondo, A dAstra

Out-to-lunch-con-stelleIeri sera ho opposto una strenua resistenza alle lusinghe del letto e, nonostante l’ora (erano le 21:00), tre uova strapazzate, una insalatona, mezzo bicchiere di vino rosso e una mela che hanno tentato per tutto il tempo di riportarmi gravitazionalmente sul divano, ho optato per il cinema.

Andare a vedere film di fantascienza, da astrofisico-divulgatore-ecc, lo considero un dovere che qualche volta si rivela pure un piacere. In ogni caso, io DEVO vedere queste produzioni, altrimenti di cosa parlo alle feste?

Sono andato da solo: il tentativo compiuto alcuni giorni fa di trovare qualcuno interessanto a vedere Ad Astra aveva sortito effetti così deludenti da non voler provare più il sapore della sconfitta, e ho preferito tenermi in bocca quello della cena decidendo così di andare in mia compagnia: ieri sera, almeno, ero abbastanza d’accordo con me stesso (anche se il divano…) e non potevo lasciarmi sfuggire la rara occasione.

Arrivato lì, ho scoperto che molti altri avevano invano invitato gli amici: eravamo davvero in pochi, riuniti in una sala enorme di un cinema dal nome che è esso stesso glorificazione della fantascienza: The space.

È per questo che proprio non capisco come mai le poche persone presenti avevano tutti posti assegnati gli uni vicini-vicini agli altri. C’era un sacco di space libero, ma io sono caduto nel campo gavitazionale di un signore che è venuto a sedersi alla mia destra e che di uova evidentemente ne aveva mangiate molte, ma molte più di me.

Risultato: finché lui non ha deciso, purtoppo solo a film finito, di andarsene a casa, non sono proprio riuscito ad abbandonare il mio posto per andare a colonizzare pionieristicamente una delle tante regioni disabitate di quell’ambiente.

Dopo una infilata di pubblicità così lunga da avermi fatto temere di avere sbagliato sala, finalmente è iniziato il film che, pare, avevo scelto e giuro che, dopo tutto quel tempo e un po’ di oblio – ero chiaramente invecchiato rispetto a quando avevo fatto il mio glorioso ingresso nella sala – è stato bello ricordarmi perché mi trovassi lì.

E qui inizia la vera narrazione, resa interessante dal mio sonnecchiare generato dalle uova, dall’insalatona, dal vino, dalla mela, dal ronfare del corpo autogravitante del mio vicino che deformava lo SPACE-tempo della poltrona adiacente alla mia, dalla pubblicità e dalla comodissima imbottitura della mia poltrona che mi invitava con insistenza a chiudere le palpebre.

Tra i fumi del sonno, negli sprazzi di semicoscienza intermittente prima del buio totale, (sprazzi che oramai caratterizzano tutte le mie serate), ho visto cose che voi rimasti a casa non potrete immaginare.

Ho visto, o almeno credo di avere visto, una struttura attorno alla Terra che inizialmene pensavo fosse la versione futuristica e ipercazzuta della stazione spaziale internazionale e che poi invece si è rivelata una torre così alta da arrivare nello spazio, ad almeno una altezza di un centinaio di chilometri dal suolo.

Ricordo di essermi detto nel dormiverglia che di sicuro dovevo aver visto male. Su un pianeta come il nostro che, con la sua gravità, non consentirebbe mai e poi mai a una struttura, naturale o artificiale che sia, di spingersi oltre più o meno dieci chilometri, una specie di ipertraliccio di quel tipo sarebbe subito crollato frustando una intera regione grande come il Molise (povero: neanche il tempo di iniziare ad esistere che subito si trova a essere sommerso dalla ferraglia…)

Out-to-launch-con-stelle

Su questa torre, i terrestri, anzi, a questo punto, per l’imponenza di quella struttura, li chiamerei i torrestri, si muovevano con la stessa disinvoltura con la quale andreste a comprare un’acqua tonica in spiaggia a Fregene in un qualsiasi giorno di Agosto diverso dal 15 (escludo Ferragosto perché, una volta trovato un po’ di spazio in spiaggia, rinuncereste alla tonica pur di non lasciarlo ad altri e desiderereste trovarvi nello spazio, magari su una torre).

Ho visto (al solito, credo di aver visto) i raggi cosmici balenare nel buio alle porte di Nettuno e arrivare su quella torre sconvolgendola e sconvolgendo pure l’intero nostro pianeta: una salva di protoni e radiazione gamma tale da far pensare che il nostro Sole avesse generato un flare alquanto anomalo o che, non più… solo, avesse finalmente trovato una compagna vicina divenuta una specie di supernova in preda a uno strano climaterio stellare.

Ho visto (ho creduto di avere visto) navi mercantili abitate da incazzatissime scimmie da esperimento al largo dei bastioni di Giove, o giù di lì.

Ho visto anche un brachicardico-tardigrado di dimensioni umane, eroe figlio di eroe, che si trovava a suo agio quasi ovunque: in un profondo lago marziano (!); su un rover lunare lanciato a velocità folle e speronato dai pirati che infestavano il nostro saltellite naturale; nella sala d’aspetto dell’agenzia delle entrate; … Insomma, stava bene ovunque e comunque, ma non a letto con la bella Liv Tyler.

Per inciso, la recitazione del Pitt Brad ricorda qui quelle della bellissima Bellucci impegnata in qualcuna delle sue interpretazioni più intense. Imperdibile.

Ho visto poi un Tommy Lee Jones, nel film padre dell’eroe, truccato così tanto bene da  sembrare una delle scimmie da esperimento di cui sopra.

Credo di aver visto tutto ciò soltanto grazie a interruzioni del mio sonno provocate da scossoni gravitazionali generati dalla precessione dell’ingente massa alla mia destra. A ogni giro, simile a una pulsar,  da una zona vicino al suo polo nord emetteva sibili e rantoli tipici di chi lottava per rimanere sveglio, contrastato nel suo progetto da un quantitativo di cibo molto più impegnativo delle mie tre uova strapazzate.

Non oso pensare cosa sia successo durante la notte dalle parti del suo polo sud.

Durante una di queste brevi veglie, mi è parso anche di capire che la fonte di quei raggi cosmici che investivano la Terra provocando incredibili sbalzi di tensione seguiti da black out, quindi morti, feriti e altri disagi, fosse proprio l’astronave di Tommy Lee Jones. Per un problema tecnico non ricordo più di quale natura, quella specie di camper spaziale ogni tot inondava l’intero sistema solare di emissioni che, pur se spegnessimo tutti i frullatori, i tostapane e le macchinette da caffè del mondo, nemmeno al CERN riuscirebbero a generare.

Si-loca-con-stelle

Ecco, lì confesso che sono stato davvero sul punto di andare a casa a finire il mio sonno in un  sistema di riferimento che, pur essendo qui sulla Terra, lontano dal mio vicino avrei pure potuto definire “inerziale”.

Ma ho scelto di rimanere (in realtà non possedevo una adeguata velocità di fuga per fuggire via dalla massa planetaria vicina che mi teneva avvinto) perché mi piace soffrire e devo dire che ho fatto proprio bene.

Sì, perché in questo pot-pourri di elementi ripresi da classiconi come Solaris, 2001 Odissea nello spazio (alcune scene di lui nell’astronave con i riflessi delle elettroniche sul casco non potevano non richiamare Frank Bowman alle prese con Hal 9000), Space Cowboy*; con musiche che, per genere, tentano di replicare il successo di quelle bellissime di Interstellar, con Pitt che, come il Clooney di Gravity se ne va con gran disinvoltura a spasso tra gli anelli di Nettuno, facendosi scudo con un cofano di Bianchina di fantozziana memoria, … c’è stato spazio per qualcosa di interessante, che val la pena dire qui.

Nei film di fantascienza spaziale ci hanno abituato a vedere gli arredamenti delle astronavi come qualcosa di davvero lontano dalla nostra esperienza terrestre. In questo film, invece, mi ha colpito l’aspetto dell’interno dell’astronave nella quale Tommy Lee Jones da un trentennio scrutava il cosmo alla ricerca di vita extraterrestre.

Mi si conceda una piccola divagazione. Tantissimi anni fa, qui a Bologna mi è capitato di andare dal dentista della mutua che all’epoca era dalle parti di via XXI Aprile. Una volta entrato, abituato all’idea di studio dentistico che mi ero fatto quando a pagare le cure erano i miei genitori, ebbi una sensazione straniante: lo studio appariva fatiscente, con attrezzature vecchie, brutte, da museo dell’odontoiatria.

Si trattava, per questo, di un ambiente molto vero, forse più vero di quelli moderni, e magari il dottore era il più bravo di tutti quelli da me incontrati in precedenza ma, oramai satollo di verità – il mio dente pulsava con la violenza e la schiettezza di un film neorealista – decisi di fuggire via per andare a farmi debiti altrove.

Insomma, anche il dente ogni tanto ascolta l’occhio che pretende la sua parte.

Alcuni interni di quell’astronave parcheggiata da trent’anni nell’orbita di Nettuno mi hanno restituito quell’idea di vecchio, di malandato, di superato. Una inadeguatezza tecnologica che mai nessun regista aveva messo così a nudo nei numerosi film di fantascienza spaziale che ho visto.

Similmente, a un certo punto, anche l’inscalfibile eroe tardigrado brachicardico nel film cede e viene smascherato con tutte le sue umane debolezze che, anche queste, a mio parere non erano mai state messe così bene in evidenza – forse a funzionare è stato proprio il contrasto con la freddezza fino a quel momento ostentata dal personaggio – in altre produzioni cinematografiche. Lo spazio è immenso ma, diversamente da quello che succede nel cinema nel quale mi trovavo, ciò che manca a chi si avventura lontano dalla Terra è il contatto con l’altro.

Ci-siamo-trasferiti-al-civico

Ieri sera l’universo mi è apparso per quello che ora mi sembra ragionevole che sia: contrariamente a quanto sostengono i seguaci del principio antropico, nel film esso si mostrava per nulla fatto su misura per noi o, se preferite, noi umani apparivamo ancora del tutto inadatti a stare stare dentro il cosmo senza i paesaggi terrestri e un bel po’ di nostri simili a rompere le balle.

La sensazione netta è stata che l’unico luogo naturale di aristotelica memoria dove possiamo stare fosse la Terra e che, se davvero c’è un altro posto simile a questo, il tentativo di raggiungerlo al momento è un suicidio: si tratterebbe di un viaggio capace di distruggerci dentro e fuori.

Mentre sulla Terra invecchiamo sullo sfondo di un mondo che si rinnova e di una tecnologia che di giorno in giorno muta, migliorando se stessa e la qualità della nostra vita, nei lunghi anni di viaggio per raggiungere un pianeta lontano capace di ospitarci, invecchieremmo dentro un ambiente che invecchia con noi, assumendo sempre più l’aspetto dello studio del dentista della mutua.

“Ciò che non uccide fortifica”, recita un detto. In realtà, se l’universo ti fa il torto di non ucciderti, vuol dire che ha deciso di indebolirti mentalmente, oltre che fisicamente, e l’aver posto i riflettori su questa dimensione così disumana di ciò che invece i film di fantascienza hanno fino a oggi tenuto a far apparire alla nostra portata, credo sia la vera cifra di questo film perlopiù mediocre (mi riservo comunque di rivederlo a stomaco vuoto o dopo un pasto leggero. Le mie frequenti assenze cognitive di quella sera, per quanto giustificate, non dovrebbero consentirmi di essere così definitivo nel giudizio).

In esso, la ricerca del padre dato per morto e poi ritrovato vivo e vegeto (anche se un po’ defunto dentro) molto lontano da tutto il consesso umano, la voglia di rivederlo, l’enorme difficoltà a lasciarlo andare nonostante, essendo “più di là che di qua”, non appartenesse più al mondo sul quale lo si voleva riportare, mi hanno fatto capire ancora una volta quanto, nonostante i ventidue anni oramai trascorsi dalla sua morte, sia ancora per me irrisolto il problema del distacco da mio padre.

Inoltre sono più di sei anni che questo pensiero si è intrecciato finemente con un altro che pure il film ha evidenziato: sono spesso aggredito dalla consapevolezza che un giorno sarò costretto, per decorrenza dei termini, ad allontanarmi da mio figlio. Si tratta di un incubo normale; un’idea ricorrente che, ne sono sicuro, aggredisce spesso tutti i genitori e le due cose, ovvero la morte dei nostri genitori e la consapevolezza che morendo, toccherà anche a noi lasciare i nostri figli, si mescolano rivelandoci quanto siamo soli. Se poi questi pensieri li si pone non sulla quinta di una piazza popolata e festosa di una domenica mattina, ma sul drappo nero del buio cosmico, la nostra esistenza solitaria diventa incontestabilmente pesante, chiara, definitiva.

É quindi un film di fantascienza, ma che ha per argomenti anche la fragilità umana e il rapporto padre-figlio: un argomento di cui parlo anche io nel mio spettacolo Giovannino e il Cosmo, una favola astronomico-musicale alla Prokofiev nella quale sottolineo l’importanza di un rapporto importantissimo, quello padri-figli, del quale ancora pochi parlano nella maniera adeguata e dandone l’importanza che merita.

In preda a simili pensieri, a un certo punto mi è sembrato addirittura soave ciò che di solito aborro: sono stato grato al crokkiare di patatine, nachos, pop corn e al turbinare rumoroso delle ultime gocce rimaste negli scaldabagni di cartone che impropriamente al bar del cinema chiamano bicchieri di coca: un repertorio di cacofonie che mi ha ricordato la presenza ingombrante, quindi (solo) per una volta gradita, degli altri spettatori nel The Space.

Vendesi-per-cessata-attività-respiratoria

Finanche la geometria perturbata dello SPACE-tempo della mia poltrona, dolcemente digradante verso il mio ingombrante vicino, mi ha donato per un fugacissimo, meraviglioso istante la gioia di vivere in una buca di potenziale popolata da un altro umano dal corpo politropico, evidentemente degenere.

La morale del film, da me seguito tra una ronfata e l’altra, in definitiva credo fosse il recupero di un’umanità inespressa che l’eroe celava dentro, da qualche parte. Una volta tornato a casa, distrutto nel corpo e nella mente, egli ritrova anche la giusta dimensione sentimentale con la sua ex – una dimensione che la sua precedente esperienza familiare non gli aveva permesso di sondare in modo adeguato – riuscendo finalmente ad apprezzare, lui che aveva sempre viaggiato nell’alto dei cieli, la vita terrena.

Credo sia una storia che segna un interessante (non bello. Interessante) ritorno a una dimensione sociale, sentimentale, romantica, un po’alla Bradbury di Cronache Marziane, di fare film di fantascienza in aperto contrasto con lo scientismo di capolavori come Interstellar, una pellicola a mio parere ancora insuperata.

Riprende un modo di interpretare la fantascienza spaziale non tanto come incursione dello spazio nelle faccende umane, ma come proiezione alla Star Trek dei classici topoi narrativi sul drappo buio del cosmo.

E, a causa di tre uova strapazzate, un’insalatona, mezzo bicchiere di vino rosso e una mela, ho rischiato che tutti questi momenti finissero per andare perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.

Poi è stato (finalmente) tempo di dormire.

 

SZ

 

*) il buon Davide Alboresi Lenzi, amico astrofilo che ho incontrato al cinema, mi ha fatto notare che una foto di Tommy Lee Jones mostrata nel film è stata scattata proprio durante le riprese di quella fortunata, simpatica produzione

 

 

 

Annunci

L’amore ai tempi di Interstellar

Lancio sentimentale - mia illustrazione pubblicata per la prima volta sulla rivista SISSA News. house-organ della S.I.S.S.A. di Trieste

Lancio sentimentale – mia illustrazione pubblicata per la prima volta sulla rivista SISSA News. house-organ della S.I.S.S.A. di Trieste

Sono finalmente riuscito ad andare a vedere Interstellar.
Immagino che, dopo aver fatto di recente una polemica con quanti lo denigravano sine ulla spe (https://squidzoup.com/2014/11/20/un-film-fantascientifico-avvincente-e-scientificamente-esatto-fallo-tu/), ci si aspetti che io sia coerente almeno con me stesso affermando di averlo gradito senza se e senza ma.
Ebbene, correrò il rischio di risultare poco propenso a contraddirmi, scrivendo che sì, mi è piaciuto davvero tanto. É sembrato anche a me di notare delle falle nell’impianto narrativo, alcune piccole, altre più grandi. Sulle piccole sorrido (e non rido sarcastico) in quanto mi sembrano, strano a dirsi, semplici sviste registiche. In particolare, ne cito una notata da mio cugino, Gianluca Barbaro: la navicella che necessitava del passaggio offerto dal razzo vettore per arrivare in orbita attorno alla Terra, è la stessa che riesce ad evitare l’arrivo dell’onda sfuggendo addirittura fin oltre l’atmosfera di un pianeta con una gravità superiore del 30% rispetto a quella della Terra.
Sulle incongruenze più grosse, sospetto che qualcosa mi sfugga per il semplice motivo che, non essendo un relativista, ritengo normale non capire ciò che deriva dalla drammatizzazione di un calcolo raffinato eseguito da Thorne.
Insomma, sono più portato a pensare che, se qualcosa non mi torna, non è che non torni in generale. No, piuttosto credo che non mi risulti chiara solo a causa della mia ignoranza.
Lascerei quindi il compito di imbastire circostanziate polemiche a chi se ne intende (ma che se intenda davvero…) di Relatività Generale; a chi se ne intende davvero di cinema e soprattutto a coloro, se ve ne sono – immagino siano un sottoinsieme minuscolo dei tuttologi – che se ne intendono di rapporti tra Relatività e Cinema.
Della storia non ho gradito (o forse non ho capito…) molto la teoria sull’amore come collante cosmologico, ma direi che ci stava. Anzi, direi che, pur essendo un film americano, sono stati bravi nel limitare, se non addirittura a evitare, le solite sequenze melense a base di bandiere a stelle e strisce innalzate, mani sul cuore e frasi come “Dio lo vuole” & affini.
Ho sempre trovato simili scene fastidiosamente gratuite, o meglio, necessarie solo per un pubblico statunitense: un pubblico che alle elezioni vota il candidato con la camicia più bianca di quelle degli altri, quello che si fa riprendere mentre con la famiglia al completo va a messa alla Domenica per poi recarsi alla partita di baseball o a mangiare il tacchino nel giorno del ringraziamento (lo so, lo so: sto parlando di un modello politico che è da tempo anche italiano, se non addirittura europeo).
In questo, Interstellar mi è sembrato più equilibrato di tantissimi altri film e immagino che, per lo stesso motivo, a molti sia risultato carente di una per loro “necessaria” dimensione spirituale. Quella c’è, ma una volta tanto, dimostrando forse una certa furbizia, non è stata rimarcata troppo la matrice protestante o cattolica, lasciando così che tutti i fruitori del film possano intravedere il proprio sfondo religioso dietro le scene più riconducibili all’entusiasmo (*).
Due aspetti, lo confesso, mi hanno davvero colpito in modo speciale.
Il primo è la rappresentazione del buco nero che, non a caso, dicono essere la migliore mai elaborata fino a oggi seguendo i dati scientifici a nostra disposizione. Ancora ora, ripensandoci, trovo quelle scene terrificanti e tremendamente affascinanti (volevo scrivere “attraenti”, ma mi sembrava un po’ pleonastico…). Insomma, roba da far tremare i polsi di paura, regalando al contempo un fortissimo desiderio di essere lì a orbitare  attorno al “mostro” per ammirare la bellezza struggente, ipnotizzante di una manifestazione così estrema della Natura.
Mi immagino per un attimo col cappellino a zuccotto tenuto con la visiera sulla nuca, col cappuccio sulle spalle e i jeans “a cacarella”, mentre mi batto il petto con il pugno proprio come un qualsiasi ridicolo simil-rapper de noantri, urlando Respect! alla volta del buco nero davanti a me.
La seconda è l’insostenibile malinconia, una lacerante disperazione, che mi ha assalito pensando al distacco dagli affetti che comporta un viaggio nel cosmo come quello intrapreso dal protagonista.
Sempre in quel primo articolo che ho scritto pochi giorni fa su Interstellar, parlavo di come la vita mi sia cambiata a partire da d.G., ovvero dopo la nascita di Giovanni. Quando ancora vivevo nell’a.G., una fase durata ben quarantaquattro anni, pensavo e affermavo, ostentando una incrollabile sicurezza, che non avrei mai esitato a partire, a lasciare il pianeta sul quale da sempre vive il genere umano, se mai mi fosse stata offerta l’opportunità di viaggiare nel cosmo.
Sin dalle prime scene del film invece, in un crescendo abbastanza rapido da pp a ff (notazione musicale per pianissimo e fortissimo), ho intuito quanto fosse cambiato nel frattempo il mio stato interiore; ho realizzato quanto tutto sia mutato a partire da quel d.G.. Non voglio rischiare di nuovo di essere frettolosamente spocchioso nell’ipotecare il futuro: temo la possibilità di trovarmi di nuovo al cospetto di simili, imbarazzanti cambi di convinzioni. In ogni caso, oggi credo proprio che tentennerei alla Quinto Fabio Massimo, snervando la NASA o chi per lei, di fronte all’offerta di partire per un viaggio nel cosmo che non mi faccia rivedere più mio figlio o che mi faccia tornare sulla Terra trovando in lui un mio coetaneo; peggio, un irriconoscibile vecchio che porta il suo nome, prossimo alla morte.

Diciamola tutta: oggi come oggi, credo proprio che rinuncerei.

Ecco, questo film, oltre ad avermi confermato più di tanti altri il vero fascino dell’universo, un fascino tutto racchiuso nella sua esagerata incomparabilità con la nostra dimensione microbica, mi ha fatto intenerire pensando a quanto siamo legati a questa scheggia cosmica sulla quale poggiamo.

Dipendiamo da essa per l’aria, l’acqua, la luce, …,  finanche per la nostra storia e le dinamiche interpersonali che solo qui hanno senso. Sì, vero: continuano ad averlo in orbita e basta osservare come molti di noi si sono emozionati e commossi, addirittura, seguendo ieri il viaggio della nostra fantastica Samantha Cristoforetti.

Ma già pensare di andare più lontano della Luna, piuttosto che far sentire la potenza dei sentimenti così come descritti nel film, sentimenti capaci di vincere il cosmo unendo chi è distante, credo metta in evidenza la nostra inadeguatezza a stare da soli, senza i nostri affetti, senza la nostra storia, quella personale come quella di tutta l’umanità.

Esiste una sfera di Dyson, un raggio di Swarschild, quindi un orizzonte degli eventi. Esiste pure una sfera di Marconi-Berlusconi-Murdock, come racconto nel capitolo dedicato alla Terra del mio Pianeti tra le note (**), ma la sfera dei sentimenti mi sembra avere un raggio paragonabile a quella di una sottile membrana abbastanza attillata alla superficie di questo globo terracqueo. Qualcosa di così limitato da non poter certo arrivare fin su un’altra galassia.

Oltre quella sottile membrana, quindi molto prima di arrivare a vedere mondi lontani, sospetto che verremmo smembrati dalla disperazione. All’impossibilità di una comunicazione sentimentale con i nostri cari, temo corrisponda un veloce disfacimento organico, un rapido disentanglement emozionale, quindi biologico. E lo temo nonostante io abbia sempre amato la solitudine, in barba a una certa ostentata capacità di stare in compagnia, qualcosa che mi riesce bene, ma solo per limitati intervalli di tempo.

Le motivazioni evoluzionistiche per una simile dinamica psicosomatica, se fosse reale (sarebbe bello se qualche psicologo o antropologo intervenisse a spiegarmi qualcosa che non so, ma che riesco solo a immaginare), potrebbero essere facilmente spiegabili. Se sono nel giusto, si tratterebbe di un circuito innato utile a garantire protezione dei figli di alcune specie animali: quelle che, rispetto ad altre, tardano a emanciparsi dal controllo e dall’assistenza dei genitori.

Per lo stesso motivo, privarsi o essere privati della possibilità di assistere i propri figli credo metta in moto una serie di meccanismi capaci di “punire” il genitore per spingerlo a ripensarci, a tornare sui propri passi e desistere dall’attuare l’abbandono. Una simile punizione potrebbe arrivare a toccare, dopo la sfera mentale, anche quella biologica, punendo il corpo fino a deprimerlo.

Anche per eremiti incalliti, i cento anni di solitudine vagheggiati dal già citato Marquez sarebbero probabilmente troppi, specie in relazione al differente trascorrere del tempo in diversi sistemi di riferimento. Qualora si riuscisse, come nel film, a tornare a baita (così forse direbbe un Rigoni Stern interspaziale di ritorno da una campagna di guerre stellari), si troverebbe un’umanità del tutto diversa da quella che si è lasciata.

Le distanze cosmiche possono essere così esagerate da rendere ridicolo qualsiasi sentimento umano che qui da noi è forse anche troppo potente ed esaltato (potente perché esaltato?), ma che viene offeso, triturato, spaghettificato, atomizzato, dissolto da paesaggi planetari che non ci appartengono affatto, mettendo in evidenza l’incompatibilità tra quei nuovi contesti e il nostro cervello con tutto ciò che prova.

Di sicuro la nostra dimensione umana è destinata in futuro a cambiare, ma al momento credo che non ci sia data altra possibilità oltre quella di rivestire il ruolo di osservatori attenti della fetta di Universo godibile da un qui esteso poco più di 384.000 cholometri (distanza media della Luna).

Il film sembra quasi dirci che o ce andiamo in tanti (per non dire tutti) come avveniva nei romanzi alla Universo di Heinlein, così da mantenere quella rete (di protezione) di relazioni affettive, o è meglio che non lo faccia nessuno, pena la follia, la disperazione, la solitudine che non può nemmeno essere urlata. Non a caso, la stazione spaziale nella quale si trovano tutti alla fine del film è una classica realizzazione “sintetica” della Terra, un’idea risalente all’epoca aurea dei vari Chesley Bonestell e Stanley Kubrick.

Forse capiremo qualcosa di più quando riusciremo a inviare quei famosi coloni su Marte di cui parlavo in uno dei primi post di questo blog (https://squidzoup.com/2013/04/23/nuoverrimo-mondo/).

Forse no.
Intanto, riassumendo, confermo che Interstellar mi è parso un gran film.
Americano per effetti speciali, ma franco-polacco per alcuni effetti psicologici che ancora perdurano dentro di me.

Vorrà per caso dire che stavolta gli americani hanno dimostrato di essere stati toccati da un certo modo europeo di fare film? Sarebbe simpatico scoprire che al di là dell’oceano Atlantico, Intestellar venga percepito come un'”europeàta”, intendendo questo neologismo alla stregua del nostro negativo “americanata”.

Se ho ragione, non è così peregrina l’ipotesi che sia stato anche questo discostarsi da alcuni cliché del cinema statunitense ad aver contribuito a far nascere certe critiche totalmente negative incassate dai due Nolan & Co.

SZ

(*) Il termine “entusiasmo” deriva dal greco antico enthusiasmòs, formato da en (in) con theos (dio). Letteralmente si potrebbe tradurre con “con Dio dentro di sé”, o “indiamento”, “invasamento divino” – fonte: wikipedia

(**) Pianeti tra le note – appunti di un astronomo divulgatore, Springer, 2006

http://www.springer.com/astronomy/popular+astronomy/book/978-88-470-1184-7